San Gemini, l’elogio della vita lenta

Borgo medievale di viuzze, scalinate, arcate e torrioni, immerso nell’incantevole paesaggio umbro, Città Slow e uno dei Borghi Più Belli d’Italia (non potrebbe essere altrimenti: qui la lentezza è d’obbligo).
Il borgo di 5000 abitanti si affaccia sull’incantevole Valle di Terni, San Gemini rappresenta uno dei più caratteristici ed antichi paesi dell’Umbria. Profondamente legata alla vicina città storica Carsulae, San Gemini nasce su un antico insediamento romano con il nome di Casventum e prenderà poi il suo attuale nome in onore del siriano monaco benedettino “Yemine” nella quale compì la sua grandiosa opera di evangelizzazione. La piccola cittadina si apre ai vostri occhi con l’imponente Porta Romana, l’ufficiale ingresso alla città. Attraversando i caratteristici vicoli, si arriva al cuore della città, Piazza San Francesco sulla quale si affaccia l’omonima chiesa. Il settecentesco Palazzo Comunale, la Fontana Gemine Astolfi costruita nel 1884 e Palazzo Canova, sono la splendida testimonianza del lungo soggiorno in San Gemini del grande scultore Antonio Canova. Un’altra grande attrattiva è il Duomo risalente al periodo tardo gotico che ospita le reliquie del patrono San Gemine. La modesta ed attiva cittadinanza sangeminese è particolarmente attaccata agli eventi cittadini tra le quali spiccano La Giostra dell’Arme e L’Infiorata Sangeminese. A cavallo dei mesi di Settembre ed Ottobre la città si veste dei colori delle bandiere dei due rioni , Rocca e Piazza, e si da inizio alla pittoresca manifestazione dove per due settimane si può respirare l’atmosfera medioevale per le taverne e le via cittadine e si conclude con la sfida finale dove tre cavalieri per ogni rione si sfidano al galoppo nel prendere l’anello e nel lancio del giavellotto. L’Infiorata Sangeminese coinvolge le vie del centro dove si svolgeva l’antica processione religiosa. Al termine vengono premiati i migliori lavori. Situata al centro del triangolo delle più suggestive città storico culturali di Terni – Todi – Narni, San Gemini è accessibile ai maggiori siti archeologici e naturalistici. Attaccata alla città sorge, Carsulae, antico municipio romano sorto lungo la via Flaminia e ora un vero e proprio museo archeologico all’aperto. Allontanandosi di soli 7 km da San Gemini è possibile ammirare uno degli scenari naturalistici e culturali più suggestivi dell’Umbria, dove le acque del fiume Velino precipitano con un balzo di 165 mt nel fiume Nera, creando le famose Cascate delle Marmore

 

San Gemini is a beautiful, small hill town in Umbria along the ancient Roman road, the Via Flaminia. Located between Rome and Florence, it is a convenient base for travel in central Italy. Rome can be reached in one hour; other cities such as Perugia, Spoleto, Todi, Assisi, and Orvieto are even closer. Situated within easy reach of a wealth of cultural resources (museums, libraries, and many of the world’s treasures of art and architecture), San Gemini is a friendly town where students can easily meet local people and enjoy life in the Italian countryside.
The town has been settled continuously since ancient Roman times to the present. On a small scale, its history and urban evolution parallel that of most Italian cities, making it a manageable and comprehensible microcosm of Italian life and history.

San Gemini